Lo stato di flusso: ecco come eliminare le distrazioni e dare il meglio ogni volta che vuoi

Immagina di star nuotando in un mare azzurro, immagina che ogni bracciata si sussegua naturalmente e regolarmente, l’acqua fresca ti culla tra il dolce rumore delle onde. Non esiste nient’altro oltre a te e il mare, inizi a percepire il tempo in maniera diversa, i sensi sono amplificati, ti senti vivo, connesso e pieno di energia, la tua mente sa senza sforzarsi cosa sta facendo adesso e cosa farà tra poco.

Sei in stato di flusso.

Molto spesso questa condizione viene considerata un’esclusiva di atleti, musicisti e persone che devono sostenere prestazioni di grande importanza. In realtà, tutti possiamo sperimentarla e sicuramente ti sarà capitato di entrare in stato di flusso almeno una volta nella tua vita.
Presto conoscerai dei semplici strumenti per accedervi in ogni occasione in cui ti è necessario.

Cos’è lo stato di flusso (o flow state)?

C’è chi vive questa esperienza di naturale focalizzazione mentre scrive o legge, chi mentre lavora, chi quando cucina, ascolta musica o fa sport.
In tutti questi casi ciò che caratterizza lo stato di flusso è:

  • alto livello di concentrazione sull’attività svolta;
  • sensazione che le azioni si susseguano naturalmente, senza sforzo;
  • assenza di dialogo interno;
  • certezza di riuscire al meglio in ciò che stiamo facendo;
  • distorsione temporale: al momento sembra che il tempo scorra più lentamente, ma è come se fosse volato se ci pensiamo a posteriori;
  • divertimento e sensazione di benessere.

Il primo a parlare del Flow State fu lo psicologo ungherese Mihály Csíkszentmihály che lo considera come uno dei momenti più felici della vita dell’uomo. Infatti, in stato di flusso la nostra mente è così tanto focalizzata sul qui e ora, da non poter disperdere energie su altri pensieri e preoccupazioni.

Secondo questa prospettiva si fa sempre più evidente che la felicità sia qualcosa a portata di mano, anzi di pensiero, per tutti! 

Come posso entrare in stato di flusso ogni volta che voglio?

È molto semplice accedere a uno stato massimamente performante quando stiamo nuotando in un tranquillo mare azzurro. E come è possibile farlo anche quando ci si trova in ufficio, magari circondati da persone, rumori e pieni di distrazioni interne ed esterne alla nostra mente?

Per facilitare l’accesso allo stato di flusso è fondamentale seguire questi step:

  1. Scegli un’attività che ami e trova all’interno di essa un obiettivo che ti motiva.
    Lo stato di flusso emerge nel punto intermedio tra la noia e l’ansia da prestazione. Deve quindi essere un obiettivo sfidante e, allo stesso tempo, realistico e raggiungibile.
  2. Trova qualcosa che può darti un feedback immediato su come sta andando la tua attività.
    In questo modo potrai correggerti o aggiustare il tiro in qualsiasi momento.
  3. Prima di iniziare prendi tre grandi respiri.
    Esiste solo il qui e ora, il passato e il futuro non servono adesso.
  4. Affronta la tua attività con sicurezza.
    Azzera il dialogo interno, fidati delle tue abilità e procedi con concentrazione.
  5. Accetta che per la mente sia normale vagare.
    Soprattutto all’inizio la tua mente sarà portata a viaggiare verso altri pensieri o altri momenti (passati o futuri) della giornata, riportala al presente con gentilezza e pazienza. Almeno che tu non sia sul ring a lottare per la vittoria, quei pochi secondi di distrazione non ti varranno la vita 😉

Oltre a questi semplici trucchi per entrare nello stato di flusso puoi allenare la tua capacità di mantenere il focus tramite la mindfulness o in generale tramite la meditazione.

Inoltre, se conosci già la PNL, puoi crearti un’àncora per ogni volta che vuoi entrare in stato di flusso. Molti atleti lo fanno: hanno un gesto, una maglietta, un odore o un’immagine mentale che li riporta immediatamente in the zone, dove sono pronti a dare il massimo.

Non importa dover correre una maratona o condurre un concerto di quattro ore per percepire l’importanza di sperimentare uno stato del genere: può migliorare la produttività e l’umore ogni giorno, tutti i giorni.

Vuoi conoscere come riprendere la gestione dei tuoi pensieri?

Vuoi scoprire tecniche pratiche per dare il meglio di te ogni volta che vuoi?

Desideri trovare nuova carica per i tuoi obiettivi o svilupparne di nuovi?

Iscriviti al corso di corso di Coaching Base >> info e iscrizioni

 

 

art. ispirato a www.headspace.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *