Idee regalo per Natale: ecco le nostre Merry Gift Card

A.A.A. Cercasi Idee regalo per Natale.

Quest’anno libera la mente e dona alle persone a cui vuoi bene uno spunto di felicità. Con le nostre Merry Gift Card puoi regalare uno o più dei nostri corsi e lasciare sotto l’albero qualcosa di speciale per le persone per te importanti.

[Leggi tutto…]

Come sconfiggere le paure e risvegliare il Supereroe che c’è in te

Da piccoli ci capitava di avere paura dei mostri che vedevamo in televisione o nei video giochi, poi crescendo impariamo che i mostri possono essere sconfitti. Da adulti poi, iniziamo a temere alcuni fantasmi che spaventano, spesso senza ragione, la maggior parte di noi. Come sconfiggere le paure più diffuse?

Ecco un elenco di questi mostriciattoli e un antidoto per ciascuno di loro, se proprio non volete farveli amici.

Paura del fallimento

È forse tra le più conosciute e rinomate. Si tratta della paura di non ottenere quello che corrisponde alle proprie aspettative. Un ottimo modo per sconfiggerla è fare propria la convinzione: Esperienza è ciò che acquisisci, quando non ottieni ciò che ti aspetti.

In questa ottica, ogni fallimento diventa un feedback, cioè una precisa indicazione su come migliorarsi e raggiungere ciò che si vuole.

Le grandi aziende che incarnano il cambiamento (ad esempio, Apple e Google…) non sperano di non sbagliare mai, ma di sbagliare prima possibile così da aggiustare il tiro e avere successo.

Un altro antidoto contro la paura del fallimento è la resilienza cioè la capacità di perseverare nonostante le circostanze avverse: andare avanti non perché le cose vanno come desideriamo, ma proprio perché ancora non funzionano come vorremmo. È proprio questo che ci permette di raggiungere grandi risultati.

Paura del successo

Cosa succede se va tutto come voglio?
In alcuni casi raggiungere i propri obiettivi richiede mettere in atto diversi cambiamenti e può significare avere meno tempo per altri aspetti della propria vita. Può capitare di non sentirsi pronti.

Se è il tuo caso, puoi farti questa domanda: Cosa succede se non lo faccio? Dove sarò tra due anni se non decido di portare avanti il mio sogno?

In questo modo vedrai la situazione da un nuovo punto di vista: se prima la mente era portata a notare ciò che avrebbe perso in caso di successo, adesso è portata a notare ciò che si perderebbe in caso di abbandono.

Paura di esprimersi in pubblico

Questa paura ha spesso a che vedere con un timore molto più profondo: la paura del giudizio che è propria dell’uomo da sempre. Infatti siamo essere sociali e ci fa sentire bene avere l’approvazione del proprio gruppo di appartenenza.

In questo caso non c’è un antidoto teorico. Per sconfiggere la paura di parlare in pubblico l’unico rimedio è farlo il più spesso possibile, mantenendo il focus su ciò che vogliamo dire e su come vogliamo comunicarlo. Se vuoi saperne di più, puoi leggere il nostro articolo >> Come farsi venire la paura di parlare in pubblico

Paura del nuovo

Prendetevi una pausa dall’idea diffusa della zona di comfort.

Le persone non evitano il cambiamento per rimanere all’interno della zona di comfort, ma per rimanere in contatto con ciò che conoscono, anche se a volte non è affatto confortevole.
Pensate a una persona che vuole perdere peso e non ci riesce. La sua condizione fisica magari non è un terreno dove sta bene ma è per lei familiare, e per questo non si decide ad abbandonarlo. L’essere umano ha paura di ciò che non conosce e questa paura a volte lo limita nell’andare verso ciò che lo farebbe stare bene.

In questo caso l’antidoto da utilizzare non è il coraggio eroico, piuttosto è necessario alimentare la curiosità. Ciò che ci porta quando siamo bambini alla scoperta dell’ignoto non è il coraggio ma la curiosità: recuperare quello stato d’animo e quella fame di scoperta ti farà superare meglio ogni paura.

Paura dello stress

Ci hanno insegnato a fuggire dallo stress, peccato che senza questa “benzina” non riusciremmo bene nella maggior parte delle prove che affrontiamo ogni giorno.

È importante sapere che ci sono due tipi di stress.

Eustress: letteralmente, lo stress buono. È quello che richiama a noi tutte le energie disponibili, aumenta la focalizzazione e la qualità della performance, che si tratti di parlare in pubblico, fare sport, presentare un progetto o sostenere un colloquio.

Distress: è lo stress cattivo che ci fa dare il peggio di noi, quello che nasce da un dialogo interno poco funzionale, cioè gli inutili rimuginii mentali.

Come si fa a generare stress buono ed evitare quello cattivo? Accettando con serenità un po’ di ansia ed evitando di rifletterci troppo sopra con pensieri come: “Perché sono stressato?”, “Non dovrei esserlo!”, etc…

Indipendentemente dal tipo di paura che ti sta bloccando in questo momento c’è un rimedio universale: il passaggio all’azione: fare piuttosto che pensare. La paura è legata al momento dell’analisi meticolosa e dell’attesa, ma si dissolve una volta che si inizia a fare qualcosa.

In poche parole: smettiamo di vivere le nostre paure quando iniziamo a vivere in nostri sogni.


Ci sono due forze motrici fondamentali: la paura e l’amore. Quando abbiamo paura, ci ritraiamo indietro dalla vita. Quando siamo innamorati, ci apriamo a tutto ciò che la vita ha da offrire con passione, entusiasmo e accettazione.
(John Lennon)

I nostri tre cervelli: come usarli al meglio

Finalmente! Gli ultimi studi sulle neuroscienze hanno fornito prove scientifiche del fatto che non sia solo l’intelligenza della materia grigia a poter guidare le nostre scelte, ma anche l’intelligenza viscerale e cardiaca.

Queste scoperte, apparentemente avanguardiste, in realtà risalgono al 1907 quando il dottor Byron Robinson pubblica il libro The Abdominal e Pelvic Brain, in cui dimostra che nella nostra pancia ci sono circa cinquecento milioni di neuroni che costituiscono il cervello enterico.

Da allora sono state condotte diverse ricerche e oggi sappiamo che oltre al celeberrimo cervello encefalico (quello della testa), ognuno di noi possiede altri due cervelli: quello cardiaco (del cuore) e quello enterico (della pancia).

Come il cervello della testa, anche questi ultimi sono in grado di: [Leggi tutto…]

I principali benefici della risata (da prendere molto sul serio)

Ai nostri corsi si ride sempre tanto e, come per magia, le nuove competenze vengono memorizzate meglio, il cambiamento avviene naturalmente, i gruppi sono così uniti che sembra si conoscano da una vita.

Anche se il mondo accademico ci ha insegnato spesso che serietà e competenze devono essere “seriose”, la noia e la monotonia sono i più grandi nemici dell’apprendimento.

Da diversi anni, anche la scienza ha fornito prove concrete dell’importanza che la risata ha per la salute emotiva e fisica di ognuno di noi. [Leggi tutto…]

Lo stato di flusso: ecco come eliminare le distrazioni e dare il meglio ogni volta che vuoi

Immagina di star nuotando in un mare azzurro, immagina che ogni bracciata si sussegua naturalmente e regolarmente, l’acqua fresca ti culla tra il dolce rumore delle onde. Non esiste nient’altro oltre a te e il mare, inizi a percepire il tempo in maniera diversa, i sensi sono amplificati, ti senti vivo, connesso e pieno di energia, la tua mente sa senza sforzarsi cosa sta facendo adesso e cosa farà tra poco.

Sei in stato di flusso. [Leggi tutto…]