Come praticare una meditazione semplice, ogni volta che vuoi

La meditazione semplice, esiste davvero?

Alla parola meditare molte persone vedono se stesse in cima a una montagna o in riva al mare a gambe incrociate, immerse in un’aura di completo silenzio interiore ed esteriore. Questa immagine se pur bellissima rischia di tenere la meditazione molto lontana dalla vita di tutti i giorni e così in molti finiscono con il pensare “Sarebbe bello, ma con la vita che faccio non è possibile!”

Fino a un po’ di tempo fa questa pratica era confinata solo a un gruppo piuttosto ristretto di interessati, ma oggi la sua applicazione ha una diffusione di portata sempre più ampia.
Richard Davidson, professore di psicologia e psichiatria all’università di Wisconsin–Madison, nel suo libro La vita emotiva del cervello evidenzia come le neuroscienze abbiano individuato nella meditazione uno strumento molto potente per modificare le strutture cerebrali, sfruttandone la neuroplasticità. A garanzia del valore di queste ricerche, l’equipe di collaboratori di Davidson annovera niente meno che il Dalai Lama. Il cervello non è una scatola impenetrabile e immutabile come si è pensato per secoli: migliorandone il funzionamento anche grazie alla meditazione possiamo sviluppare abilità come la resilienza, la gestione dello stress, la capacità di concentrazione…

Nel suo discorso il celebre maestro buddista Mingyur Rinpoche capovolge completamente la tradizionale concezione della meditazione regalandoci la possibilità di praticarla ogni volta che vogliamo. Non esiste più il problema del tempo, del contesto o il senso di frustrazione che arriva quando non si riesce a zittire tutti i pensieri. Il segreto è solo uno: fare amicizia con la propria scimmietta.

Ecco cosa suggerisce di fare nel suo discorso:

[Leggi tutto…]

Mindfulness digitale: prendersi una pausa in ufficio

La meditazione plasma strutturalmente il cervello, lo continuano a dimostrare le evidenze scientifiche dei maggiori centri di ricerca universitari e ce lo ricordano gli articoli puntualmente riportati da riviste e quotidiani.

E come evidenziano i numeri delle ricerche medie mensili sul motore di ricerca Google e i dati di Adwords, la mindfulness supera qualsiasi altro tipo di pratica meditativa.

Mindufulness_in ufficio

Dal 2012, quando Google ha avviato per i suoi impiegati il programma Search inside yourself, la diffusione è stata rapidissima. Nel 2014 il Time già dedicava la copertina alla “Mindfulness Revolution” e oggi la mindfulness è ovunque. L’interesse per questa pratica meditativa nel mondo occidentale sembra essere cresciuto in maniera esponenziale, tanto che negli ultimi anni si può parlare di mindfulness digitale.

[Leggi tutto…]

La mindfulness è semplice come bere il tè

La mindfulness è semplice. Ed è proprio perché è semplice che sembra difficile.

In effetti, avvicinandosi alla mindfulness la prima volta si dubita che possa essere chiamata tecnica di meditazione. Prestare attenzione alla propria esperienza nel momento presente. Ecco il compito. Tutto qui. Null’altro che prestare attenzione con un atteggiamento per quanto possibile aperto, curioso e non giudicante.

Mindufulness_la_pratica-del_the

Che si tratti del respiro, delle sensazioni del corpo, dei suoni, dei pensieri o dell’ambiente che ci circonda. Tutto straordinariamente semplice.

La mindfulness è semplice, eppure ci sembra un compito difficile. Ci fidiamo delle cose quando sono difficili perché attribuiamo efficacia ai compiti ardui e complessi.

[Leggi tutto…]

Corso di Mindfulness: come combattere lo stress

come combattere lo stress

Questo corso di mindfulness consente di imparare come combattere lo stress quotidiano in modo concreto ed efficace per ritrovare ogni giorno un equilibrio armonico corpo-mente. Scopriremo come alcune semplici tecniche di mindfulness possono costituire una risposta particolarmente efficace per migliorare la qualità della vita e aumentare il benessere ogni giorno, riducendo l’impatto dello stress. [Leggi tutto…]