Diventare adulti: l’arte di essere liberi

Insegnare è un’arte dai molteplici colori, scriveva una volta un professore in una rivista.

Lo lessi da adolescente, nel pieno della mia rivoluzione personale e della mia lotta contro tutto ciò che appariva rigido e pieno di regole: la famiglia, la scuola, lo stato.

libertà_di_scelta

Ieri sera al pub ne parlavo con un vecchio compagno delle superiori.

Sono passati più di vent’anni eppure seduti intorno a quel tavolo, le voci erano concitate come quando eravamo ragazzini. Quel tremore che hai provato in gioventù, quando senti che il sistema ti sta fregando e tu non ci stai, vuoi essere tu a fregare lui.

E passi le giornate a studiare con un quarto della testa mentre l’altra parte è impegnata a cercare una strada da seguire: LA strada per diventare un adulto diverso; un adulto che ce la farà. [Leggi tutto…]

Come farsi ascoltare dai bambini

Imparare come farsi ascoltare dai bambini per qualcuno equivale ad avere poteri magici.

La linguistica ci insegna che il cervello umano risponde in automatico a certe parole chiave. Succede così quando usiamo parole come devo, voglio, posso, no, comincio a… e anche ho un problema.

È una chiave che apre molte porte, soprattutto quelle davanti alle quali ci ritroviamo davanti con lo sguardo smarrito e la netta sensazione che non ce la faremo mai.

come farsi ascoltare dai bambini

Ognuno di noi ha provato prima o poi nella vita la sensazione di essere di fronte a un vicolo cieco. La capacità di notare solo le cose sotto la nostra lente d’ingrandimento: il particolare colore del muro, porta, siepe, ostacolo che ci impedisce di andare avanti. La consistenza tattile di un respiro affannato, difficoltoso da inspirare ed espirare.

È in queste situazioni che capisco di essere finita in trappola.

Come si esce dalle trappole? Chiedendo aiuto. [Leggi tutto…]

Di cosa hai bisogno… per togliere il pannolino?

Spesso succede che nell’intento di aiutare i nostri figli a trovare soluzioni ai problemi della vita ci ritroviamo a somministrare le nostre personali soluzioni ai loro personalissimi problemi, che si tratti di fare i compiti o di riuscire a togliere il pannolino… con successo.

Thomas Gordon ci mette in  guardia rispetto al voler trovare soluzioni efficaci per i problemi degli altri, mostrandoci come e quanto inutili e distruttivi possano risultare a più livelli.

Non solo le soluzioni altrui appaiono a chi le riceve come estranee e quindi vane ma, ancora peggio, le soluzioni somministrate da altri provocano in chi le riceve un forte senso di inadeguatezza che può sfociare in un abbassamento del senso di autostima.

togliere il pannolino

[Leggi tutto…]

Mio figlio non mi ascolta

figlio non ascolta genitoriPrima o poi arriva per tutti i genitori il momento in cui nasce spontanea una domanda “ma perché mio figlio non mi ascolta? perché non mi capisce quando parlo? Che sia diventato sordo?”.

I motivi di incomprensione possono essere diversi da momento a momento, da figlio a figlio, addirittura da genitore a genitore. I tentativi sembrano essere tutti fallimentari e allora, cosa fare?

Sappiamo che Noemi è infelice, ma non si confida con noi. Non sappiamo mai cosa le passa per la testa.

I miei figli continuano a ripetermi che non li capisco che ho idee stupide e che il mio atteggiamento non li aiuta. Non so più cosa fare se non continuare a fare ciò che faccio, tanto ormai hanno già deciso che sono cattiva.

Queste sono alcune delle frasi che possono ronzarci in testa come genitori e la comunicazione efficace può rispondere alla domanda perché mio figlio non mi ascolta? Gli strumenti per risolvere molte di queste situazioni sono la comunicazione dell’accettazione e l’ascolto attivo. [Leggi tutto…]

Come affrontare la gelosia nei bambini

gelosia nei bambini

Avere più di un figlio può spesso dimostrarsi meno idilliaco di  quanto ci si fosse immaginato.

Gli atteggiamenti ostili, le derisioni, l’aggressività, l’invidia, il risentimento, la regressione o l’auto isolamento sono tutti segnali di un atteggiamento di gelosia tra fratelli che può diventare di difficile gestione per i genitori.

Travolto dalle dinamiche quotidiane della gelosia, l’adulto tende a dimenticare che un bambino geloso è un bambino in grossa difficoltà. È spesso un bambino che prova paura e insicurezza, che teme di non essere all’altezza della situazione e quindi che potrebbe sentirsi “non degno” di essere amato.

Per tale motivo i bambini gelosi potrebbero sembrare cattivi, dispettosi o fastidiosi quando in realtà sono tristi e in difficoltà. Sono bambini che hanno bisogno di certezze, piuttosto che di punizioni, di affermazioni piuttosto che di negazioni.

Comprendere tutto questo porta a notevoli vantaggi nella nostra efficacia come genitori. [Leggi tutto…]